sabato 20 luglio 2013

Cartellone Mefitis Vaglio di Basilicata


 

VI Edizione CARTELLONE TEATRALE  MEFITIS, A TEATRO FRA I MAGICI LUOGHI DELLA STORIA”
PARCO ARCHEOLOGICO DI ROSSANO - VAGLIO BASILICATA (PZ)
Dal 23 luglio al 23 agosto 2013
patrocinio della Regione Basilicata e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

A cura del consorzio Teatri Uniti di Basilicata e del Comune di Vaglio Basilicata, la VI edizione della rassegna teatrale “Mefitis, a teatro fra i magici luoghi della storia”, che porta in scena il Teatro Classico nello straordinario scenario degli scavi archeologici di Rossano, tra le rovine del tempio di Mefite, la divinità delle acque.
Quest’anno protagonista Tito Maccio Plauto, con tre rappresentazioni ispirate al suo teatro.
"Per il primo appuntamento della rassegna, martedì 23 luglio, lo spettacolo “Farse Plautine”, un’opera che spazia dagli stereotipi classici della commedia all'Italiana ai personaggi intramontabili della drammaturgia moderna. Ad interpretarla Edorado Siravo e Vanessa Gravina, nomi già apprezzati sullo stesso palcoscenico, che ripercorreranno tutto il loro repertorio comico: da Aristofane a Plauto, da Molière a Becket, passando per Shakespeare, fino all’improvvisazione dei comici della Commedia dell’Arte.
Mercoledì 31 luglio, un altro volto noto del panorama artistico italiano, Debora Caprioglio in “Anfritrione”. Rappresentata probabilmente nel primo decennio del II sec., Amphitruo rimane un caso singolare nella pur vasta, e per molti aspetti controversa produzione plautina. “Anfitrione” è in breve il Grande Teatro, non solo dell’Età Classica, ma di tutti i tempi. Questa nuova edizione che nasce dalla fertile invenzione registica di Walter Manfrè, ne esalta sia l’efficacia farsesca, affidata al talento di Enrico Guarneri che interpreta Sosia, sia i toni più sinceri ed accorati nella Alcmena di Debora Caprioglio.
Giovedì 08 agosto, “Little Italy”, una parentesi musicale con la Bj Orchestra, diretta dal Maestro Rocco Pietrafesa, undici orchestrali e un cantante. Il progetto musicale, che ispirandosi al nome dato a vari quartieri di origine italiana sparsi per il mondo, propone una lettura “swing” della canzone italiana degli anni '50. Brani di Carosone, Buscaglione, Arigliano, Modugno. In Little Italy suoni e immagini si incontrano e si inseguono, in una sorta di viaggio che, tra miti e riti, antichi e moderni, ci conduce alla scoperta di una italianità ironica e scanzonata.
Aulularia”, in programma martedì 13 agosto, chiude il tris di opere ispirate al teatro Plautino. È una delle commedie che ha influenzato maggiormente il teatro seicentesco, ma anche il cinema moderno. “L’Avaro” di Molière è di fatto una copia autentica dell’opera di Plauto ed a rifarsi all’ “Aulularia” è anche il film di Totò “47 morto che parla”. In Aulularia l'avarizia spadroneggia in scena in modi grotteschi. È portata in scena da una giovane compagnia nata dal Plautus Festival, dagli attori comici Camillo Grassi e Massimo Boncompagni, che in questa commedia si divertono a raccontare non solo la storia ma soprattutto quei personaggi che vivono dentro e fuori il teatro.
A chiudere la rassegna uno spettacolo originale ed unico, venerdì 23 agosto: “Dante in cucina, la Divina Commedia a tavola”, interpretata da Melissa Di Genova e Orazio Cerino della compagnia Teatro dell’Osso. “Dante in cucina”, è un divertente percorso nell’alimentazione medievale attraverso la Divina Commedia. È una narrazione documentata e allo stesso tempo giocosa di cosa volesse dire “mangiare” ai tempi di Dante, con riferimenti alle novelle di Boccaccio, ai testi dei contemporanei e agli insoliti aneddoti raccontati dagli scrittori del tempo." 
Servizio navetta, di andata e ritorno da Potenza a Rossano di Vaglio, con prenotazione obbligatoria al costo di 1,00 €.
Per maggiori informazioni e prevendita, www.infotickets.it, telefono 0971.274704. 

Biennale di Venezia